Nuovo stadio Franchi e masterplan Campo di Marte

È il progetto di Arup il vincitore selezionato dalla commissione internazionale per il restyling dello stadio Franchi e il masterplan dell’area di Campo di Marte.

Il progetto di riqualificazione dello stadio è rappresentato dalla nuova copertura che ne definisce il suo nuovo aspetto specialmente nei confronti del contesto urbano e paesaggistico: una lama sottile rettangolare metallica che levita sopra le tribune storiche. La forma e il profilo sono pensati per ridurre al minimo l’impatto visivo sullo skyline. Il nuovo sistema di spalti consiste in due nuove grandi gradinate.

La forma delle nuove tribune progettata per migliorare visibilità, accessibilità, capienza e diversificazione dell’offerta, consente di dare una nuova veste interna allo stadio in linea con i moderni standard di fruizione della struttura.

La strategia di sostenibilità dell’intervento si basa sul raggiungimento di uno sviluppo Net Zero Carbon tramite l’implementazione di strategie energetiche e di gestione delle acque volte a valorizzare il rapporto simbiotico tra lo stadio, il parco e gli altri edifici del masterplan. Il risultato è un innovativo sistema energetico di distretto che promuove il recupero e la condivisione di energia fra i vari utenti urbani. La nuova copertura dello Stadio permetterà la produzione di energia rinnovabile tramite pannelli fotovoltaici per servire sia lo Stadio che gli edifici del masterplan permettendo anche la raccolta di acqua piovana che potrà essere riutilizzata per l’irrigazione dei campi e altri usi non potabili all’interno degli edifici.

La riqualificazione dello Stadio Artemio Franchi è integrata nel Masterplan del Campo di Marte. Il progetto del masterplan nasce dalla volontà di creare uno spazio pubblico per l’intera comunità, attrattivo e vivo, non solamente in occasione delle partite di calcio ma, tutti i giorni dell’anno. Il progetto prevede di estendere la zona verde, antistante lo stadio, creando un parco che dialoga direttamente con il quartiere i cui servizi, tra cui il mercato rionale, saranno inclusi organicamente nel disegno, immaginato come ‘foglia verde’. Le soluzioni proposte migliorano la resilienza dell’area rispetto ai fenomeni atmosferici.

La riqualificazione dei giardini Campo di Marte è stata concepita come una ‘Onda viola’: i percorsi principali si caratterizzeranno per essere accompagnati da fioriture e colorazioni sui toni del viola, con punte di rosso e di bianco. Il progetto si basa sull’ampliamento e la riqualificazione delle infrastrutture verdi dell’area, che rendono possibile l’integrazione tra le varie attività sportive, culturali e sociali. Nello specifico, si integrano sia spazi organizzati per lo sport (stadio, palazzetto polifunzionale, pista da skateboard, palestre, campi da calcio, rugby e baseball) che aree informali dedicate ad usi ricreativi (jogging, yoga, percorsi educativi per bambini, percorsi tematici dedicati all’arte e alla scienza). La vasta area verde prevista al centro del nuovo parco, è pensata inoltre per ospitare attività culturali ed eventi all’area aperta.

Il Masterplan Campo di Marte Nord completerà il progetto di riqualificazione dello stadio Artemio Franchi, valorizzando il sistema di mobilità ciclabile e pedonale in continuità con la rete esistente che attraversa il centro storico di Firenze.

Da martedì 8 marzo sono esposti nel Cortile di Michelozzo di Palazzo Vecchio tutti gli otto progetti finalisti selezionati dalla commissione internazionale.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page