77° anniversario della Liberazione: commemorazione di Mary Cox e Maria Penna Caraviello

Sabato 19 giugno, alle ore 9, il Quartiere 5 ricorda l’uccisione delle due donne, testimoni e martiri della Resistenza

Mary Cox  e Maria Penna Caraviello furono trucidate dai fascisti della banda Carità all'alba del 21 giugno 1944, rispettivamente a 51 e 39 anni di età, in località Terzollina nei pressi di Serpiolle. Mary Cox era una professoressa di inglese che collaborava attivamente con il CNL, ospitando nella propria abitazione le riunioni dei partigiani. Maria Penna Caraviello, moglie del partigiano Rocco, che affiancava nella lotta contro i nazifascisti, faceva spesso la staffetta.
La sera del 19 giugno ‘44 i fascisti della banda Carità irruppero nell’appartamento di Mary Cox, dove si teneva una riunione di partigiani alla quale partecipava anche Rocco Caraviello, ucciso poi con un colpo alla nuca in una viuzza vicina; arrestarono i presenti e li portarono a Villa Triste.  I fascisti arrestarono anche Maria Penna, dopo essere andati a casa sua alla ricerca di materiale di propaganda e di armi. Tutti gli arrestati, comprese Mary e Maria, furono portati a Villa Triste, dove la banda Carità portava le sue vittime per interrogarle e torturarle barbaramente, e dove subirono lo stesso destino comune a tanti altri compagni della resistenza.

La mattina del 21 giugno Mary e Maria furono caricate su una macchina, portate in Terzollina e fucilate. Sul luogo sorge un monumento a ricordo dell’eccidio, la testa di Pegaso in bronzo, simbolo della libertà.

La manifestazione è prevista alle ore 9, nel giardino a loro intitolato in via Rocco Caraviello (già via di Capornia) alla presenza dell’Assessore al Decentramento e alla Cultura della Memoria, Alessandro Martini, e al Presidente del Quartiere 5, Cristiano Balli.

I partecipanti sono invitati a indossare la mascherina e a rispettare le attuali normative relative agli incontri pubblici.

Questo blocco è in errore o mancante. Potresti aver perso dei contenuti, o potresti provare se riesci a abilitare il modulo originale.
Scroll to top of the page